Ciao - Correggio Insieme.  Associazione di Volontariato Onlus
PRIMO PIANO  |  FOTOGALLERY  |  CHI SIAMO  |  NEWS  |  COME SOSTENERCI  |  BILANCI E UTILIZZO 5X1000

Visita la nostra pagina
su Facebook

Le ultime news
19 marzo 2020
Il presidente bielorusso: 'Sauna, vodka e lavoro: così si batte il virus' »

Lukashenko critica la chiusura dei confini da parte di molti Paesi
13 marzo 2020
Trump's Chernobyl (la Chernobyl di Trump) »

Trentaquattro anni fa a Mosca ho visto il governo gestire male un disastro. Perché sembra sia successo solo ieri?
Articolo del The NewYork Times Di Serge Schmemann
(scusate per la traduzione a braccio)
11 marzo 2020
Pronti a versare l’acqua radioattiva della centrale nucleare di Fukushima nell'Oceano Pacifico. »

È l’annuncio del ministro giapponese, intanto rispunta un’inchiesta del 2018

Pronti a versare l’acqua radioattiva della centrale nucleare di Fukushima nell'Oceano Pacifico. Preoccupano le dichiarazioni del ministro dell’Ambiente giapponese Yoshiaki Harada sulla sorte dell’enorme quantitativo di acqua venuta a contatto con il combustibile sfuggito ai tre reattori nucleari danneggiati durante il disastro nucleare, secondo solo a quello di Chernobyl.

https://www.peopleforplanet.it/versare-lacqua-radioattiva-di-fukushima-nel-pacifico-lannuncio-del-ministro-giapponese/?fbclid=IwAR2QIrAgkJljifBW_WVgi-MFftWbgq_zOFL8i9O2WN7LvygoLI-zndOcMks

Archivio »


News


Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici
27 luglio 2019

clicca l'immagine per ingrandirla

I soggiorni di "risanamento" in Italia non vanno più di moda o quasi. Se alla metà degli anni Novanta, infatti, i programmi di accoglienza temporanea portavano in Italia oltre 30.000 bambini l'anno, oggi si stenta a superare i 10.000 affidi (Ministero delle Politiche Sociali, 2015). Oltre l'85% degli arrivi giungeva da aree bielorusse e ucraine interessate dal disastro nucleare di Chernobyl, datato 26 aprile 1986. "Ma oggi le priorità sono altre", dice amareggiato il presidente di Aubam Antonio Tosi.  "Sappiamo da anni che tanti problemi di salute sarebbero cominciati 10 anni dopo ed oltre", spiega Tetyana Kunitska, sopravvissuta di Pripyat e accompagnatrice di bambini in Italia. E infatti, tra le seconde e terze generazioni, figlie cioè di chi ha subito in prima persona la catastrofe, in molti avrebbero ancora bisogno di soggiornare nel nostro paese per migliorare la loro salute.
 
"Il livello di cesio  - assicura Toni - tende ad abbassarsi del 40% in sole 5 settimane". Il cesio-137 è un isotopo radioatttivo che fu rilasciato nell'ambiente all'epoca delle esplosioni. Gli effetti sulla salute dei bambini riguardano principalmente malfunzionamenti del miocardio e abbassamenti dei livelli di tenuta del sistema immunitario.
 

« Torna alla lista


CIAO - CORREGGIO INSIEME ETS
Iscritta al Registro Provinciale del Volontariato PROT. N. 45368/21/2007
Via Timolini 27 - 42015 Correggio (RE) - C.F. 91132090357, Cell. 370-3101757 - 333-3256352
www.correggioinsieme.it - correggioinsieme@gmail.com
Privacy policy - powered by Antherica Srl